INFORMATIVA: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy

gatti.png
FacebookTwitterLinkedInRSS Feed
tinko.png

L’importanza del gioco nei bambini da 0-1 anno

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Per quanta riguarda i giochi di tipo motorio possiamo mettere il bambino in differenti posizioni comode e a pancia in giù, magari con un sostegno morbido, per permettergli di esplorare tutte le sue possibilità. Man mano che cresce le esperienze motorie andranno arricchendosi con spostamenti, rialzi. Una grande scatola di cartone in cui entrare ed uscire può essere molto stimolante.

Per quanto riguarda le esperienze di tipo sensoriale, possiamo proporre al bambino oggetti che stimolino il tatto (tramite la forma, la consistenza e il peso ), l’olfatto (varietà di diversi odori), il gusto (sapori diversi), l’udito (squilli, tintinnii), vista (colore, forma, lunghezza, lucentezza).

Non è necessario riempirlo di giocattoli acquistati che, come dicevamo, sono spesso monotoni, di plastica e con funzioni ridotte. Può essere sufficiente proporre al bambino una scatola di cartone (il cesto di vimini può essere soggetto alla perdita di piccole parti) con oggetti facilmente recuperabili in casa. È importante che le proposte siano lavabili per la caratteristica di succhiare e mettere in bocca dei più piccoli, la quale è importante per scoprire il peso, le dimensioni, la consistenza degli oggetti. Altra cosa è che gli oggetti che metterete a disposizione del bambino vengano spesso cambiati per dare la possibilità di sperimentare sensazioni nuove e non annoiarsi (avete presente il lamento di un neonato quando si annoia?). Questo non toglie che alcuni oggetti possano essere riproposti dopo qualche giorno. In questo modo riaccenderanno l’interesse e la curiosità del bambino.

Eviterei oggetti in plastica per lo scarso valore sensoriale: non è piacevole al tatto, non ha odore e nemmeno un gusto particolare!

Vanno bene invece cucchiai, tappi di sughero (magari leggermente imbevuti di un profumo naturale), sassi più grandi della bocca del bambino ma non troppo pesanti, un limone, uno spazzolino da denti, sottobicchieri, pennelli, cucchiai di legno, mollette di legno per il bucato, portatovaglioli, anelli di legno delle tende, scatoline, anche riempite di legumi e sigillate, un mazzo di chiavi, un piccolo imbuto, formine di dolci, un borsellino di pelle chiuso, sacchetti di stoffa contenenti timo, lavanda o simili, pentole di metallo e coperchi. A questo proposito ricordo mio figlio Andrea che adorava giocare con pentole, coperchi e cucchiai. Faceva sempre un gran fracasso e sembrava non stancarsi ed annoiarsi mai. Forse è un caso che abbia sviluppato una grande passione per la batteria e le percussioni, tanto che suona in due bande!

Lasciate al bambino il tempo per esplorare l’oggetto che sceglierà autonomamente o che voi gli proporrete. Potrà capitare che giochi con un cucchiaio per più di 30 minuti senza degnare di uno sguardo il resto!

Questi sono solo alcuni esempi di giochi sensoriali. Altre possibilità sono legate alle canzoni e alle filastrocche. La voce della mamma che canta brevi canzoncine, associate al movimento, oltre a rassicurare il bambino e a stimolare l’udito, pare favoriscano lo sviluppo del linguaggio e una stimolazione senso-motoria.

La visione del neonato alla nascita non è perfetta, ma va sviluppandosi nel tempo grazie alle esperienze visive. Giochi con colori vivaci che si muovono come giostrine o girandole sono ideali. Anche queste si possono facilmente realizzare in casa con del cartone ritagliato. Il celebre gioco del cucù settete può essere molto stimolante per la vista. Si può provare a mostrare e nascondere sotto un lenzuolino un oggetto e non solo il volto.

Infine non dimentichiamo i libri, in cartone pesante o morbida stoffa come oggetti da manipolare, toccare, vedere, annusare. Anche questi, con un po’ di abilità si possono costruire da sé.

In definitiva la cosa migliore per un bambino sotto l’anno è giocare con oggetti che stimolino tutti i suoi sensi e che gli permettano di fare esperienze motorie, con un adulto vicino di cui sentire il calore, la forma, la consistenza, l’odore e l’amore per lui!

 

FONTE: http://www.bambinonaturale.it/2016/07/limportanza-del-gioco-nei-bambini-da-0-1-anno/

claudia.png
spinetta.png