INFORMATIVA: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy

gatti.png
FacebookTwitterLinkedInRSS Feed
gallo-ombra.png

A tu per tu con l’Autore

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

claudia intervista

Lei scrive per il mondo dell’infanzia. Può raccontarci la Sua?

Sono nata nella periferia nord di Milano. Quando avevo circa due anni i miei genitori hanno deciso di trasferirsi nel paese di montagna dei nonni. Ho vissuto così l’infanzia a giocare nei boschi d’estate e a slittare d’inverno. La fontana del paese era la piscina della mia bambola e conigli, capre e galline protagoniste delle mie giornate e dei miei giochi.

Quali motivazioni l’hanno spinta a lavorare nel sociale?

Un pomeriggio d’autunno, mentre rientravo a casa, ho conosciuto una simpatica vecchina. Camminava a fatica sorreggendosi ad un vecchio bastone. Mi sono offerta di accompagnarla e ho scoperto che viveva in condizioni di estrema povertà. Con l’aiuto di mio padre, mi sono mobilitata per trovarle un’abitazione decorosa, dei vestiti puliti e pasti caldi tutti i giorni. Ne è nata una bella amicizia, che ha superato la barriera delle generazioni e che ha fortemente influito sulla mia crescita e sul mio desiderio poi di lavorare nel sociale. Dopo la laurea infatti, ho lavorato svariati anni come educatrice, principalmente per soggetti con problematiche legate alla tossicodipendenza e all’alcolismo.

Quando ha vissuto la vera “svolta”?

Quando è nato il mio terzo figlio, Leonardo, ho deciso di cambiare vita: la mia grande casa, che si affaccia sul lago di Como, è diventata un familiare bed and breakfast e le esperienze della mia infanzia protagoniste di libri per bambini. Amo più di tutto inventare strumenti di gioco, con funzione educativa. Li sperimento per mesi con i miei figli prima di darli alle stampe.

Altri progetti?

Negli ultimi anni ho scoperto anche la passione per il teatro. Recito in una compagnia teatrale che propone spettacoli per bambini e le loro famiglie. Il ricavato dei nostri spettacoli va a sostegno di progetti sociali.

FONTE:
http://bimed.altervista.org/blog/projects-1/scuola-bimed/scrittura-creativa-home/autori-bimed/galleria-autori-claudia-ferraroli/

alina.png
fatina.png